dal 2015 - visita n. 3309
Rel��
Rel��

 

Pilota Relè

Questo circuito è molto utilizzato per pilotare piccoli relè. Il transistor ne aumenta la sensibilità di circa un fattore 100, in funzione del guadagno del transistor, basta infatti qualche Volt in input per far scattare il relè.


I diodi hanno il compito di preservare il transistor dai picchi di extratensione che si generano durante le commutazioni. Nei circuiti commerciali spesso D2 viene omesso, ma, come mostra la figura seguente, la sua azione è complementare a quella di D1 nella eliminazione dei picchi di commutazione (spikes).



Quando si lavora con avvolgimenti di filo intorno a nuclei metallici si parla di carichi induttivi. Senza scendere troppo nei dettagli, quando si applica tensione ai capi di una resistenza, questa viene subito percorsa dalla corrente, e quando si stacca la tensione, la corrente cessa. Se invece si applica tensione a un carico induttivo, come la bobina di un relè, la corrente non circola immediatamente, ma dopo un certo intervallo di tempo. Mentre quando si stacca la tensione, la corrente tende a circolare ancora per qualche istante. Questi fatti creano extra correnti di apertura e di chiusura con conseguenti picchi di tensione di segno inverso.
I transistor possono essere danneggiati o da tensioni troppo elevate o da tensioni di segno contrario a quello richiesto dalla loro polarità, e quindi occorre proteggerli dagli effetti pericolosi dei carichi induttivi. A questo provvedono i diodi D1 e D2. Per esempio in D1, che risulta collegato in parallelo alla bobina del relè, col polo positivo rivolto verso il positivo della alimentazione, normalmente non passa alcuna corrente, poichè esso è collegato in senso contrario rispetto all'alimentazione del circuito; quando però ai capi della bobina del relè tende a formarsi una tensione inversa, il diodo passa subito in conduzione e praticamente annulla l'extratensione pericolosa.


Funzionamento del Relè

Un relè è sostanzialmente un interruttore, cioè un dispositivo in grado di aprire e chiudere un circuito. A differenza dell'interruttore però, il relè non viene azionato a mano, ma da un elettromagnete, costituito da una bobina di filo avvolto intorno ad un nucleo di materiale magnetico. Quando passa corrente nella bobina di filo B, si crea un campo magnetico che attira l'ancoretta A nel verso della freccia; l'ancoretta sposta il contatto centrale C e in questo modo, il collegamento tra il contatto centrale ed nc si apre, mentre si chiude il collegamento tra C ed na. Il contatto nc viene chiamato normalmente chiuso, perchè è tale quando il relè è a riposo, mentre il contatto na viene chiamato normalmente aperto.
Quando smette di passare la corrente nella bobina, una molla provvede a riportare il contatto centrale nella sua posizione originaria, a contatto con nc.



Elettronica
Rel
Inverter
Caricabatterie
Amplificatore
Fotosensore
Wireless Energy



Vi sono certe cose in cui una donna vede sempre piu' a fondo, che cento occhi di uomini.
G.E. Lessing

Valid CSS!
pagina generata in 0.001 secondi