dal 2015 - visita n. 620
ProMemoria
ProMemoria

 

ProMemoria


Cattura Schermo

Nel sistema operativo Mac OS X la cattura dello schermo si puo' effettuare in 2 modi:
1. premendo i tasti SHIFT MELA 3: viene catturato l'intero schermo e salvato in un file. Nel caso di piu' monitor, viene generato un file per ogni singolo monitor.
2. premendo i tasti SHIFT MELA 4: viene catturata solo un'area rettangolare disegnata con il mouse. Premendo spazio, il cursore del mouse assume l'icona di una telecamera. In tal caso, e' possibile catturare distintamente icone, menu e vari elementi. Gli elementi catturabili singolarmente si evidenziano al passaggio del cursore del mouse.

Installare un .dmg

Quando si scarica un'applicazione dalla rete, capita sempre più spesso che detta applicazione sia incorporata in un file .dmg (immagine disco). L'immagine disco si apre con un semplice doppio clic; quindi sulla Scrivania compare il volume aperto che contiene l'applicazione vera e propria:


A questo punto si trascina l'applicazione fuori dal volume e la si posiziona dove si vuole sul proprio HD, per esempio nella Cartella Applicazioni.

Nota 1: alcuni programmi (come quelli di Apple) si rifiutano di funzionare o di lasciarsi aggiornare se non sono stati messi dentro la Cartella Applicazioni.

Nota 2: se all'apertura del volume non compare l'applicazione ma un installer e' sufficiente fare doppio clic su quest'ultimo, ed esso provvedera' alla corretta sistemazione dell'applicazione nella cartella Applicazioni e dei vari file di supporto nella sede più opportuna.
Ecco il caso in cui il volume contiene un installer:


Ora che l'applicazione ha raggiunto la sua sede può finalmente essere usata e il volume va espulso: basta fare un clic in una parte bianca del volume (per deselezionare l'applicazione che sta al suo interno) e premere la combinazione di tasti Mela E. Un altro modo per "smontare" un volume e' quello di premere la righetta sormontata da un triangolino (vedi figura precedente). A questo punto il file .dmg può essere tranquillamente eliminato buttandolo nel cestino e svuotandolo.

Nota 3: se l'applicazione e' fornita di installer, dopo averlo lanciato con un doppio clic, e' bene controllare che cosa fa esattamente: se oltre all'installazione offre anche la possibilità di disinstallare un'applicazione, allora e' preferibile conservare il file .dmg su cui risiede l'installer. Nell'eventualità che si decida di eliminare l'applicazione, l'installer andrà a cercare e ad eliminare anche tutti i file ad essa correlati, dovunque siano stati collocati.

Client FTP

Ho scelto Cyberduck di David Kocher perche' si tratta di un applicativo open source recente (v. 2.8.4 del 24-gen-2008). Tramite safari ho scaricato il file immagine .dmg ed ho provveduto quindi ad installarlo con la procedura illustrata precedentemente.
Al primo impatto, sopratutto per chi ha già fatto uso di altre soluzioni per la gestione di ftp, l'interfaccia di Cyberduck può sembrare anomala: infatti questa non presenta la classica suddivisione in due finestre, una per la gestione dei file in locale, e l'altra per quelli remoti. In realtà Cyberduck (come tanti altri) utilizza il Finder come finestra locale, dimezzando così lo spazio utilizzato dalle sue finestre.
















Techne
Il MacBook
ProMemoria
Boot
Mac+Linux



Non conosciamo il vero se non conosciamo la causa.
Aristotele

Valid CSS!
pagina generata in 0.001 secondi