dal 2015 - visita n. 1116
Pacchetti Slackware
Pacchetti Slackware

 

Pacchetti Slackware

Porteus Ŕ costruita su Slackware 14.1 e quindi, potenzialmente, pu˛ sfruttare tutti i pacchetti giÓ precompilati per Slackware. Tramite i comandi tgz2xzm e txz2xzm Ŕ possibile, infatti, convertire i pacchetti Slackware in moduli Porteus. Ma attenzione perchŔ nella realizzazione di queste conversioni occorre sempre tenere conto delle dipendenze che non Ŕ detto che si trovino automaticamente risolte e quindi ci vuole un po' di abilitÓ nella gestione di queste operazioni.

Per prima cosa occorre conoscere alcune fonti (repository) da cui prelevare i pacchetti Slackware precompilati per la versione 14.1, eccone alcune:

I formati presenti in queste fonti possono essere o il classico .tgz o il pi¨ moderno e compatto .txz. In entrambi i casi Porteus fornisce il comando adatto per effettuarne la conversione in moduli .xzm.
Il procedimento Ŕ abbastanza semplice, una volta scaricato il pacchetto slack1.tgz o slack2.txz, con uno dei due comandi si ottiene il corrispondente modulo:


Esempio di costruzione di un modulo con dipendenze

      Parent Directory                                                      
      celestia-1.6.1-i486-2_fs.dep                  19-Jul-2014 08:14   13   
      celestia-1.6.1-i486-2_fs.lst                  19-Jul-2014 08:14   60K  
      celestia-1.6.1-i486-2_fs.meta                 19-Jul-2014 08:14  539   
      celestia-1.6.1-i486-2_fs.tgz                  19-Jul-2014 08:15   38M  
      celestia-1.6.1-i486-2_fs.tgz.md5              19-Jul-2014 08:14   63   
      celestia-1.6.1-i486-2_fs.txt                  19-Jul-2014 08:14  279   

E facciamo attenzione alla presenza del file .dep oltre che al file .tgz che dobbiamo scaricare. Il file .dep, di appena 13 byte, contiene i nomi di 2 dipendenze: lua e gtkglext. Quindi anche questi 2 pacchetti dovranno essere inseriti nel nostro modulo definitivo. Allora ci organizziamo preparando una cartella di lavoro vuota, che chiamiamo work, nella quale andremo a depositare il file celestia-1.6.1-i486-2_fs.tgz appena scaricato.
Quindi eseguiamo i 3 comandi:

celestia: error while loading shared libraries: libgtkglext-x11-1.0.so.0: 
cannot open shared object file: No such file or directory

che ci ricorda la mancanza di una delle dipendenze, come visto all'interno del file .dep in precedenza.

Prima di procedere oltre per risolvere la situazione Ŕ opportuno fare una puntualizzazione:

Benche sia possibile avviare un applicativo tramite il men¨ ed il mouse, nelle fasi di debug Ŕ molto pi¨ utile avviare i programmi da terminale in modo da potere leggere i messaggi di un eventuale malfunzionamento.

A questo punto, fatta una breve ricerca nello stesso sito appena utilizzato, ci prepariamo a scaricare il pacchetto .tgz collegandoci a
http://porteus-apps.org/slackware/slackware-14.1/slackware/libraries/gtkglext/

      Parent Directory                                                    -   
      gtkglext-1.2.0-i486-3_fs.dep                   19-Jul-2014 09:57   14  
      gtkglext-1.2.0-i486-3_fs.lst                   19-Jul-2014 09:57  8.7K  
      gtkglext-1.2.0-i486-3_fs.meta                  19-Jul-2014 09:57  671   
      gtkglext-1.2.0-i486-3_fs.tgz                   19-Jul-2014 09:57  289K 
      gtkglext-1.2.0-i486-3_fs.tgz.md5               19-Jul-2014 09:57   63   
      gtkglext-1.2.0-i486-3_fs.txt                   19-Jul-2014 09:57  424   

Anche questa volta il file .dep ci avverte di un'altra dipendenza: pangox-compat, per fortuna l'ultima, oltre lua giÓ vista in precedenza. Quindi scarichiamo nella cartella work il file

gtkglext-1.2.0-i486-3_fs.tgz

ed i file:

pangox-compat-0.0.2-i486-1_fs.tgz
lua-5.1.5-i486-1_fs.tgz


prelevati, rispettivamente, da:

http://porteus-apps.org/slackware/slackware-14.1/slackware/libraries/pangox-compat/
http://porteus-apps.org/slackware/slackware-14.1/slackware/development/lua/

dopo aver verificato attentamente che nessuno dei due ha dipendenze da soddisfare.

A questo punto convertiamo i 3 file .tgz in altrettanti file .xzm:

Visto che in precedenza abbiamo attivato celestia per testarlo, procediamo adesso ad attivare anche i 3 moduli, appena costruiti, con:


















ReLivix-Slack
Porteus
Chiavetta Base Porteus
Moduli
Operazioni con moduli
Pacchetti Slackware
Slackyd
Cheatcodes
Chiavetta ReLivix-Slack
Moduli rlvx
Moduli alieni
Forum



Parlare dei propri mali Ŕ giÓ una consolazione.
Lord Byron

Valid CSS!
pagina generata in 0.001 secondi