dal 2015 - visita n. 772
Liliaceae
Liliaceae

 

Liliaceae

Si tratta di piante erbacee o legnose rizomatose ampiamente distribuite nelle regioni temperate e tropicali. Le specie erbacee vivono generalmente nel sottobosco umido, quelle legnose sono tipiche di ambienti aridi. Molti generi sono usati a scopi ornamentali.
Le foglie sono solitamente alterne, distribuite sul fusto o in rosetta basale; hanno la lamina intera parallelinervia guainante alla base, senza stipole.
I fiori possono essere riuniti in piccoli gruppi o crescere solitari, sia all'ascella delle foglie sia all'apice del fusto. Sono ermafroditi, a simmetria raggiata (attinomorfi), composti da 4 o 6 tepali liberi o saldati a formare una corolla campanulata. Gli stami sono 4 o 6 portati da filamenti liberi o saldati; lo stimma è unico a volte suddiviso in 3 lobi, l'ovario è solitamente supero.
I frutti sono generalmente a bacca con pochi semi globosi.

Aspidistra Elatior o LuridaAspidistra Elatior 'Variegata'

MOLTIPLICAZIONE
L'Aspidistra si può riprodurre per divisione dei rizomi, tale operazione si effettua generalmente al momento del rinvaso. In primavera, si dividono delicatamente i rizomi utilizzando un coltello pulito ed affilato e si divide il rizoma in più porzioni ognuna provvista di almeno 2-3 foglie e radici ben sviluppate.
Le superfici tagliate vanno trattate con prodotti fungicidi ad ampio spettro a base di zolfo, dopo di che ogni porzione di Aspidistra si pianta in vasi singoli utilizzando lo stesso terriccio per le piante adulte. Queste nuove piante si tengono all'ombra ed in ambiente fresco fino a quando non inizieranno a spuntare i nuovi germogli, a quel punto vuol dire che le radici hanno ben attecchito e quindi si possono trattare come le piante adulte.


Asparagus SetaceusRuscus Hypophyllum


















Mix
Intro
Il suolo
Terreni Calcarei
Siepi
Rose
Agrumi
Apocynaceae
Crassulaceae
Liliaceae
Malvaceae
LinkVivai



Influire su di una persona vuol dire dargli l'anima nostra. Essa allora non pensa i suoi propri pensieri, non arde delle proprie passioni. Le sue virtù non le sono naturali. I suoi peccati, se esistono peccati, sono presi a prestito. Essa diventa l'eco della musica altrui; recita una parte che per essa non fu scritta.
Oscar Wilde

Valid CSS!
pagina generata in 0.002 secondi