dal 2015 - visita n. 904
Filosofi
Filosofi

 

Filosofi


Platone

 

Di solito, su internet, si trova questa riflessione attribuita a Platone, tratta dalla sua opera ΠΟΛΙΤΕΙΑΣ Η (Repubblica, libro VIII):


Quando un popolo, divorato dalla sete della libertÓ, si trova ad avere a capo dei coppieri che gliene versano quanta ne vuole, fino ad ubriacarlo, accade allora che, se i governanti resistono alle richieste dei sempre pi¨ esigenti sudditi, son dichiarati tiranni. E avviene pure che chi si dimostra disciplinato nei confronti dei superiori Ŕ definito un uomo senza carattere, servo; che il padre impaurito finisce per trattare il figlio come suo pari e non Ŕ pi¨ rispettato, che il maestro non osa rimproverare gli scolari e costoro si fanno beffe di lui; che i giovani pretendono gli stessi diritti, le stesse considerazioni dei vecchi e questi, per non parere troppo severi, danno ragione ai giovani. In questo clima di libertÓ, nel nome della medesima, non vi Ŕ pi¨ riguardo nÚ rispetto per nessuno. In mezzo a tale licenza nasce e si sviluppa una mala pianta: la tirannia.


E se provassimo a leggerla, nella sua forma dialogica, dall'originale con testo greco a fronte ?





Estero
Spazio Ospiti
Giochi e Gadgets
Umorismo
Versi
Green
Filosofi
Riviste e Giornali
Cronologia
Segnalazioni
Il vecchio sito
Largo ai Giovani
Il Computer nella Didattica



Le liti non durerebbero mai a lungo, se il torto fosse da una parte sola.
Franšois de La Rochefoucauld

Valid CSS!
pagina generata in 0.001 secondi