Z   [19 termini]
Indice

Z80: Microprocessore del 1976, della Zilog, evoluzione dell'Intel 8080. Fu utilizzato nei primi MICROCOMPUTER. Aveva una velocità da 2,5 MHz a 10 MHz e usava un contenitore CERDIP a 40 pin. Era utilizzato col sistema operativo CP/M e fu molto diffuso negli anni ottanta.

Z-BUFFER: Memoria della scheda GRAFICA che si occupa dell'elaborazione dei dati relativi all'asse Z (profondità) delle immagini. Consente quindi di gestire la sovrapposizione degli oggetti in un videogioco quando un personaggio passa dietro ad un OGGETTO.

ZAK: Acronimo di "Zero Administration Kit". Si tratta di un kit software della Microsoft messo a punto per gli amministratori di RETE affinchè possano impedire l'accesso, a determinati utenti, a FILE (eseguibili e no) che sono critici nella gestione del sistema.

ZAW: Acronimo di "Zero Administration for Windows".

ZBR: Acronimo di "Zone BIT Recording".

ZEN: Acronimo di "Zero Effort Networking".

ZERI: Così vengono chiamate, in una FUNZIONE di trasferimento, le radici che stanno al numeratore.

ZIF: Acronimo di "Zero Insertion Force". Indica un tipo di zoccolo per circuiti integrati che consente l'inserimento ed il disinserimento degli stessi senza esercitare nessuna pressione durante le operazioni. Di solito è presente una levetta a due posizioni che facilita il lavoro.

ZILOG: Societa' di microelettronica di Campbell (Missouri, USA), fondata dall'italiano Federico Faggin, che negli anni ottanta ha prodotto l'avanzato microprocessore Z-80, implementato su numerosi home computers.

ZIP: Lo standard riconosciuto per la compressione di dati in INTERNET, finalizzato alla riduzione del peso in Kb dei FILE.

  • In gergo, archiviare un file o un gruppo di file usando il software PKZip o un altro che usi lo stesso standard di compressione. Ormai indica in generale l'operazione di compressione dei dati.
  • Acronimo di "Zig-zag In-line Package".

    ZIPPARE: Termine ormai molto diffuso, indica l'operazione di compressione di FILE,

    ZIP-UNZIP: Software per i sistemi operativi MS-DOS, OS/2 e VMS che consente la compressione e la decompressione dei FILE memorizzati nelle memorie di massa allo scopo di aumentare la MEMORIA disponibile.

    ZLE: Acronimo di "Zero Latency Enterprise".

    ZMH: Acronimo di "Zone Mail Hours". Ore definite per specifiche tecniche (es. FTS, Fidonet Technical Standard) nelle quali i nodi di una RETE si scambiano i pacchetti di posta. Generalmente rientrano in un arco di tempo compreso tra le 2:00 e le 6:00 del mattino.

    ZMODEM: Protocollo di trasferimento FILE con dimensione variabile del blocco e ripristino dei trasferimenti non terminati correttamente.

    ZOCCOLO: Socket. Base su cui fissare, assicurando il contatto elettrico senza alcuna saldatura, componenti elettronici come i circuiti integrati e le EPROM.

    ZONA: Termine utilizzato per descrivere, su di una RETE LAN, un sottogruppo logico di utenti che si trova all'interno di un gruppo più grande di reti interconnesse.

  • L'ultima parte di un INDIRIZZO internet. Di solito indica la nazionalità del sito o la sua tipologia.

    ZSERV: Acronimo di "Zebra SERVer".

    ZUSE KONRAD: Scienziato tedesco di Berlino che nel 1941 in Germania costrui' lo Z3, uno dei primi calcolatori elettromeccanici programmabili. Le istruzioni erano memorizzate su nastro perforato costituito da pellicole cinematografiche. Creo', anche, il Plankalkul, un linguaggio di programmazione algoritmico, che prevedeva variabili, attribuzioni, istruzioni condizionate e reiterate, procedure con parametri... ritenuto un predecessore dell'ALGOL 60.


    Indice


    © Glossario ByteMan OpenWeb   Copyright 1993..2007   Riservati tutti i diritti.   Aggiornato al 9-aprile-2006.